martedì 2 luglio 2013

Beato te e poverini noi


Qualche giorno fa ero con alcune persone ad un raduno organizzato da un forum che frequento da un po' di anni. Come spesso accade a questi eventi, il pranzo era al sacco e ogni persona doveva portare qualcosa. La ragazza che si occupava del dolce aveva portato una grossa torta con crema e frutta, ne ha offerta una fetta a tutti e anche io ho avuto la mia. Poiché al raduno eravamo soltanto in sei, era avanzato un altro giro di torta per tutti, ma quando la ragazza è passata ad offrirmi la seconda fetta si è accorta che io avevo mangiato solo metà della prima. Chiarito che la torta mi piaceva e il problema non era il sapore, lei ha comunque insistito perché finissi la prima fetta e accettassi la seconda ed ha esordito dicendo:
"Dai finiscila (la torta) che tanto tu sei magra, mica ingrassi!"
Allora, senza dilungarmi nei dopo (non l'ho mangiata (*≧▽≦) !!!), il punto interessante è proprio questa frase. La ragazza della torta, ovviamente, non è propriamente un figurino e sfora dal concetto di peso forma in maniera abbastanza evidente, ma la vera differenza tra me e lei non è il peso. La vera differenza è quella frase. Lei ha mangiato la prima e la seconda fetta di torta, io metà della prima. Lei è grassa ed io sono magra, eppure, nella sua logica, io potevo mangiarmi due fette di torta, "perché tanto sono magra e non ingrasso".
Bella cazzata!!! (scusate il francesismo)

Care "ragazze delle torte", non è così che funziona! Le persone così tanto magre non lo sono perché possono mangiarsi due fette di torta senza ingrassare e voi, poverine, ne potete mangiare due fette al prezzo di sembrare dei pachidermi. Le persone così magre sono così magre, perché NON mangiano due fette di torta! Le persone così magre sono così magre, perché mangiano una fetta di torta, mezza fetta di torta e se hanno un metabolismo "ostile" (leggi lento) non la mangeranno affatto la torta.
Care "ragazze delle torte", a questo mondo NIENTE è gratis e TUTTO ha un "prezzo". Il prezzo per un corpo così magro è la fetta di torta in meno, il mezzo piatto di pasta piuttosto che quello pieno, la merenda a base di melone piuttosto che di pane e (un secchio) nutella, ecc ecc
La gente magra e in particolare quella magrissima, è magra perché vive da persona magra ogni giorno e non perché può permettersi di sfondarsi di cibo e voi no. Possibile che non abbiate mai sentito parlare di DISCIPLINA, AUTOCONTROLLO, SACRIFICIO E COSTANZA??

Questo episodio della torta non è certo il primo, mille volte mi sono sentita dire "eh beata te che sei così magra!" o "eh, magari fossi magra come te *tono dell'impossibile*". Beata me cosa?! Non peso 39 kg perché sono beata! Peso 39 kg perché mangio poco, mangio leggero, evito le porcherie e mi muovo un sacco! Se vivessi come vivono le "ragazze delle torte", pur avendo un ottimo metabolismo, sicuramente non sarei come sono. C'è poco a cui aspirare con aria trasognata, fino a quando non si cambia il modo di pensare, di vivere e di mangiare... Fino a quando non si fa qualcosa di pratico, le cose non potranno mai cambiare ed è inutile, quanto patetico, fare l'elogio dell'impossibile sul mio corpo, mentre ci si ingozza di torta alla crema!

Poi vabbè, c'è sempre chi ama sputare in un occhio ai fatti e, in una lirica all'ipocrisia, ti dirà che grasso è bello e che tu vivi di privazioni, perché sei un "anoressico di merda"... Certo, come se la rinuncia ad una fetta di torta (o peggio alla seconda fetta della torta in questione) potesse rientrare tra le privazioni o le malattie! Cosa rispondere a simili affermazioni? Il nostro corpo ha bisogno di un tot di cibo e di un tot di nutrienti, ottenuto questo tot (ed anche qualcosa in meno, in termini quantitativi e non qualitativi) il resto è questione di gola. Nessuno ha mai detto che per essere belle occorra necessariamente entrare in una 36, ma da quella alla 50 ci sono un bel po' di taglie nel mezzo! Peccato che, fino a quando la logica vi dirà che gli altri sono magri perché miracolati, anche la 42 resterà per voi terra d'utopia!
Onestamente io vivo benissimo con mezza fetta di torta, me la godo, mi piace e quando mi guardo allo specchio idem: me la dogo e mi piaccio. Mentre chi ha fatto il secondo giro ha goduto due volte della stessa torta per tre minuti più di me e, quando si guarda allo specchio, non gode mica tanto! Sta male, sensazione che si estende su tutta la sua vita. Ditemi voi chi è più privato di qualcosa (o malato), perché onestamente io preferisco godere della torta per tre minuti in meno e rinunciare alla seconda fetta, ma star bene con me stessa e piacermi, piuttosto che mangiare senza freni per poi privarmi del fisico che desidero e lagnarmi allo specchio (o su internet) su un corpo sfatto!

12 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è proprio dopo aver parlato con te che ho deciso di scrivere questo post (✿◠‿◠)
      Tra le altre cose, io tento di buttarla sul ridere, ma a volte mi sono successe cose che boh... Avrei voluto prendere a sberle qualcuno!
      (-_-)'
      Io capisco che tutti possano avere delle debolezze e che cambiare certe abitudini, magari molto radicate, possa essere difficile, però non è che ci siano molte alternative. Certo, c'è anche chi poi cade nei disturbi alimentari, perché non riesce a gestire la cosa ed è già fragile di suo, ma tutta la gente che vedi per strada, che non entra in niente di meno della 46 e si lagna perché ha il "culone", non è malata. Semplicemente quel culone non ha nessuna intenzione (seria) di muoverlo.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. Quoto quoto e riquoto assolutamente....lo vorrei far capire a mia suocera!!! Che per lei l'idea di pranzo o cena è quello d'ingozzarsi...!!!! Non di mangiare perchè si ha fame...ma per svuotare il frigo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona fortuna... (;-_-) Purtroppo è assai raro che, chi la pensa come tua suocera, smuova il suo concetto anche solo di mezzo millimetro.

      Elimina
  3. Il punto secondo me è che finché non scatta qualcosa nella testa di queste "ragazze torta" non potranno mai cambiare
    Io ero una di loro, che mangiavo e mi chiedevo come facevano alcune ragazze a mangiare e non ingrassare! Sospiravo e mi piangevo addosso ma la seconda fetta di torta me la mangiavo lo stesso
    Poi un giorno, mi son vista in una foto e mi son detta "basta non posso continuare così" e da li ho iniziato la mia discesa
    Questo ha comportato anche un cambio di vedere certe cose, ora la penso esattamente come te, che chi è magro ha comunque uno stile di vita magro ecc ecc
    Ma solo dopo questo scatto (venuto da solo in quanto la mia famiglia insisteva da anni sulla perdita di peso) ho avuto questo scatto anche nel pensare

    Ma davvero Prima di ciò non mi passava nemmeno nella mente quani sacrifici ci sono per mantenersi magri

    Grande post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che sia inevitabilmente qualcosa che deve partire da noi, nessuno può costringere nessuno a mangiare di più o di meno, piuttosto che a prediligere un certo tipo di cibi rispetto ad altri. Ipoteticamente parlando si può anche prendere una persona e obbligarla ad una condotta alimentare diversa, ma la coercizione non cambierà il modo di pensare dell'individuo in questione. Secondo me, occorre una certa forza di volontà (a volte molto grande) per prendere in mano la situazione come hai fatto tu e darle una svolta.

      Elimina
  4. Ciao, ti leggo e ti trovo sempre "forte".... poi ti esprimi così bene! Ti segnalo un libro che ti potrebbe interessare forse.... di Paolo Rovesti: Alla ricerca dei profumi perduti -
    Lo si trova forse ancora in giro. In biblioteca si trova a Casale Monferrato in provincia di Alessandria.
    Rovesti è morto da tempo ma quel libro forse ti piacerebbe per approfondire le tue passioni sui profumi. Era un persona con molta esperienza.
    Il tuo Post qui sopra è proprio unico. Complimenti...! Tizy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile come sempre (ღ˘⌣˘ღ)
      Purtroppo sarà difficile che io capiti nella zona di Casale Monferrato, ma proverò a cercare in qualche libreria o sui forum che trattano l'usato. Penso che potrebbe interessarmi leggere il libro che mi hai segnalato e comunque di solito leggo parecchio e accetto sempre volentieri il "rischio" un libro in più. Quindi grazie mille per il tuo consiglio ♥

      Elimina
  5. Diciamo che tu sei vittima di quel pregiudizio per cui le magre lo sono perché hanno un metabolismo veloce e quindi anche se mangiano smaltiscono tutto. Non è sempre così, ma alcune volte accade. Comunque, con l'età il metabolismo rallenta, già attorno ai 20 anni a meno che tu non soffra di ipertiroidismo, se hai delle brutte abitudini alimentari dovrai scordarti il fisico magro e asciutto che hai sempre avuto.
    Ammiro la tua forza di volontà :3 io sono grassetta (ho una 42 x 155 cm di bassezza) e sono molto golosa, oltre che una mangiatrice compulsiva. Spero di riuscire a trovare un po' di equilibrio da oggi in poi.
    Concordo sul fatto che c'è molta più "sanità mentale" nel privarsi SERENAMENTE della seconda fetta di torta piuttosto che nel mangiarsi la prima, la seconda e tutto il resto della tavolata.

    Dolcissimo il tuo blog :3 sei una otaku?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo di te, perché l'altro giorno mi sono messa a leggere il tuo blog... All'inizio avrei voluto scriverti qualcosa, ma ho pensato che magari ti avrebbe urtata ricevere opinioni da una sconosciuta qualsiasi, anche perché mi sembra che tu soffra molto per varie cose che ti sono successe e per altre che non riesci a controllare.
      Quello che posso dirti è che non ho voce in capitolo riguardo al mangiare in maniera compulsiva, è una cosa che non ho mai provato e dunque non ho idea di quanto pregiudichi un percorso di perdita di peso. Comunque sono abbastanza sicura che sia superabile o comunque arginabile. Quello che ho notato, leggendo di altre ragazze con questo problema, è che di solito si tenta di coprilo con un altro problema, cercando ciò di passare all'anoressia restrittiva. Ovviamente si tratta della mia opinione personale, ed è pur vero che malati per malati tanto vale essere malati magri... ma è altrettanto vero che forse, sradicati i principi di queste malattie, è possibile trovare un po' di serenità pur mangiando pochissimo. Chi è anoressico ha delle ossessioni riguardo al cibo, al pesarsi, alle calorie e chi più ne ha più ne metta (c'è gente che arriva a non bere, pur di veder scendere l'ago della bilancia anche di poco!). Questo te lo dico con cognizione di causa, perché sono stata così per anni (a partire dai miei 11/12 anni fino ai 18)... non ai livelli di chi non beve, però mi pesavo ogni mattina, campavo di verdure lesse, mi ammazzavo di ginnastica e mi tenevo sotto alle 400/300 kcal al giorno! E per cosa? Per pesare, in proporzione, pochi chili meno di adesso! Certo, mi ero devastata il metabolismo e ti assicuro che è stata LUNGA recuperarlo senza ingrassare più di tanto e prendendo peso poco per volta fino a trovare un punto di stabilità compatibile con la vita...
      Quello che voglio dirti è che per trovare un equilibrio non serve digiunare o mettersi alla gogna. Per quanto possa essere difficile, la cosa va presa con calma (anche perché dimagrire troppo velocemente porta diversi problemi, non ultimi alcuni di natura estetica). Molto meglio perdere tot kg sicuri e persi bene impiegando un po' più di tempo, che perdere gli stessi chili impazzendo e rovinandosi la vita e la salute. Anche perché, i chili persi male, spesso e volentieri tornano tutti e con gli interessi.
      Io spero davvero che oggi sia il primo giorno che ti porterà ad un po' più di serenità, anche perché ho letto ciò che scrivi e non sei assolutamente come ti vedi. Secondo me ti sminuisci molto, la gente con le prerogative che tu ti attribuisci non ha quel genere di profondità d'animo.

      Comunque non mi definirei un'otaku. Leggo manga e guardo anime sin da quando ero piccola, ma coltivo principalmente altri hobby e non mi interesso in maniera maniacale a personaggi o serie in particolare. Il blog ha questa grafica, perché mi piace molto, tra gli altri, il genere cute (kawaii). Colleziono oggetti a tema e ho diversi abiti ed accessori in questo stile sweet.

      Elimina
  6. Concordo, conosco fin troppo bene la logica delle " ragazze torta" avendola sperimentata ed essendo consapevole di averne sofferto. Il mio rapporto con il cibo è una sorta di lotta a questo mio lato da " ragazza torta" ^^ ti stimo ! Scrivi veramente troppo bene ! Spero che passerai sul mio blog !

    RispondiElimina

Per favore, siate educati ( ^‐^)_且~~