sabato 15 giugno 2013

Paese che vai... diete che trovi

... e direi anche canoni estetici che torvi! Il Giappone è infatti sempre più orientato verso un canone estetico decisamente esile e delicato (e questo vale sia per le donne che per gli uomini ♥).
Il peso medio della popolazione giapponese, contrariamente a ciò che accade nel resto dei paesi sviluppati, si è sensibilmente abbassato negli ultimi anni.
La magrezza è diventata dunque una componente estetica assolutamente essenziale, questo grazie anche alla cultura del kawaii che predilige immagini dolci, delicate, un po' infantili e decisamente esili (in pieno stile manga).

“Kawaii in Japanese means cute. And for many young girls that’s the ideal.”
Mori Norio psicologo giapponese 

Sulla scia di tutto ciò, un paio di anni fa, la nota rivista giapponese Apple pubblicò un certo numero di articoli che parlavano di diete. Venivano prese alcune ragazze del mondo dello spettacolo che erano riuscite a migliorarsi perdendo peso e venivano spiegate diete, esercizi e prodotti vari da loro utilizzati.
Ovviamente tengo a precisare che le ragazze in questione non partivano da pesi assurdi, non erano grasse (tanto per capirci). Al massimo erano un po' paffute per quelli che sono i canoni estetici giapponesi (da me pienamente condivisi), quindi questo mio post potrebbe non interessare o comunque non essere di grande aiuto se chi mi dovesse leggere partisse da un peso troppo alto e desiderasse prendere spunto.
Tornando ad Apple, su uno dei suoi numeri, compariva Pikari che all'epoca non era certo nota per essere particolarmente bella, esile o simili (diciamo pure che aveva un po' di cosciotte da tacchina). Era più che altro una figura legata al giro pop, cosplay, Akiba e via dicendo. Nelle foto pubblicate dalla rivista spiccava tuttavia un evidente cambiamento nella figura di Pikari: lei aveva perso 7 kg in quattro mesi, passando così da 44 a 37 kg ( *▽*)! ! !



Successivamente venivano proposti un'intervista, pubblicità ai prodotti che aveva utilizzato e ai cibi che aveva consumato, gli esercizi che Pikari aveva fatto per dimagrire e per mantenere il nuovo peso raggiunto e la dieta dal lei seguita e che vi riporto qui sotto.

La dieta dell'acqua di Pikari:
sostanzialmente la dieta si basa sul consumo di tre pasti al giorno, il cui ammontare totale delle kcal non dovrebbe mai superare la quota di 1200. Questo significa che ogni pasto dovrà avere un apporto calorico non superiore alle 400 kcal.
La regola fondamentale è quella di bere 500 ml di acqua prima di ogni pasto, mentre se la fame dovesse tornare tra un pasto e l'altro, occorrerà bere ed attendere il pasto successivo.
Ogni giorno Pikari fa qualche esercizio che comprende stretching, camminate o attività simili varie e si dedica ad hobby ecc per sfruttare il suo tempo in maniera da non doversi poi fissare sul fattore cibo.
I cibi da introdurre nella dieta devono essere tutti a basso contenuto calorico ed organizzati in modo da non eliminare completamente nessun nutriente indispensabile al corpo. Ovviamente i carboidrati andranno ridotti veramente al minimo.
Fatto ciò, in base al peso finale che ci si è prefissati, sarà poi possibile, successivamente, ridurre ulteriormente le porzioni dei pasti e dunque le calorie giornaliere. Pikari era arrivata ad un regime di 1000 kcal.
Viene anche suggerito il consumo di almeno un pasto liquido, per esempio una minestra ed è consigliata l'assunzione di alimenti ricchi di fibre.



Altri numeri di Apple hanno proposto altre modelle, attrici ecc portandole ad esempio e spiegando le varie diete che avevano seguito. Alcune, ed onestamente è a loro che mi sento più vicina, avevano optato per il consumo di più di tre pasti o per il consumo di due pasti (come faccio io) e svariati spuntini. Escamotage a mio parere utilissimo per alzare il metabolismo, unito ovviamente ad una decente attività fisica e ad una più o meno impeccabile disciplina nel gestire il tutto.
C'erano anche consigli sugli esercizi da fare in casa (tutta roba reperibile in rete, niente di nuovo eh) e qualche accenno alla ginnastica facciale (la fa anche Pikari (*ω*) ).



Per finire, altra cosa sulla quale mi trovo d'accordo, in ogni intervista veniva rimarcato il fatto di non darsi mai a privazioni estreme. Con un minimo ed oculato calcolo di ciò che si mangia e si è mangiato, programmando un pochino la propria alimentazione, è possibilissimo concedersi dolci o comunque cibi che piacciono, ma non sono propriamente dietetici (^□^). Tanto per portare un esempio, io adoro gli okonomiyaki, diciamo che ogni porzione ha circa 600 kcal (forse qualcosina in meno, ma dipende da com'è preparato ecc), quando decido di mangiarlo di norma faccio a metà con qualcuno che consuma il pasto con me o se sono a casa, divido il tutto in due parti e la seconda la consumo successivamente. Se decido di mangiare una crêpe dolce o la smezzo o riduco le kcal dei pasti successivi, introducendo poi nella giornata (o in quella successiva) una bella passeggiata per smaltire qualcosa. Detto così può sembrare macchinoso e alcuni penseranno che ci si debba come minimo portare sempre addosso una calcolatrice, ma in realtà basta farci l'abitudine e viverla serenamente. Vi posso assicurare che mangiare mezza crêpe piuttosto che una intera non fa nessuna differenza, il godimento (almeno per quanto mi riguarda) è lo stesso e forse anche maggiore, perché non comporta l'appesantirsi né eventuali sensi di colpa. In linea di massima non conta tanto la quantità, ma la qualità di ciò che si mangia e lo spirito con il quale noi affrontiamo il cibo 




4 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Uffi come si fa ad avere la sua dieta???? (T_T)

    RispondiElimina
  4. Sono più o meno le cose che ho scritto qui e in risposta al tuo post "Confusa e sgranocchiolosa". In più lei dice di aver basato il tutto sull'acqua che in parole povere può essere tradotto con "bere molto e bere piuttosto che mangiare fuori dai pasti". Propone anche una serie di prodotti light che in Italia non si trovano, ma dei quali, a mio parere, si può anche fare a meno.
    Pikari partiva da un peso non troppo elevato e conta che lei non è altissima, è 153 (non so se ci capisci qualcosa, ma questa è la sua pagina Wikipedia http://ja.wikipedia.org/wiki/%E6%A4%8E%E5%90%8D%E3%81%B2%E3%81%8B%E3%82%8A e a destra ci sono le misure ecc) e ha dovuto buttar giù 7 kg... cosa che ha fatto in un regime dietetico da 1000 kcal e ubriacandosi d'acqua. Aggiungi al tutto l'attività fisica che dice d'aver fatto, alla fine non è un'impresa così impossibile se ci si attiene a queste regole.

    RispondiElimina

Per favore, siate educati ( ^‐^)_且~~