lunedì 17 giugno 2013

Non ci sono più le thinspo di una volta... e neppure le pro-ana

Per quanti di voi dovessero leggermi e non sapessero proprio di cosa io stia parlando, le thinspo dovrebbero essere ragazze estremamente magre, le cui fotografie caricate in rete, farebbero da modello motivante per altre ragazze desiderose di perdere ulteriore peso o intenzionate a restare nella fascia del sottopeso. Le thinspo, dunque, dovrebbero essere ragazze magrissime... scrivo dovrebbero, perché all'atto pratico non è più così. Il fenomeno thinspo non è certo recente, nasce qualche anno fa, quando andavano tanto di moda i siti pro-ana (e quelli pro-mia che onestamente non ho mai capito. Che ci possa essere qualcuno pro-vomito e pro-ingozzate, mi sconcerta). Questi siti erano frequentati principalmente da tre categorie di persone: anoressiche e bulimiche disperate, ragazza pro-ana che pur essendo fortemente sottopeso sembravano campare bene e un tot di ciccione che si aggiravano fameliche nella speranza di perdere qualche chilo. Dopo un po', a quanto pare, le anoressiche disperate devono essersi stufate. Attualmente vanno di gran moda i blog della commiserazione, dove orde di dcaforever si piangono addosso in un maniera tanto indecorosa quanto allarmante (dico allarmante perché palesano il dca e cose annesse, come unico elemento della loro interiorità). Impossibile dunque distinguere chi soffre davvero da chi sta battendo i piedi per l'ennesima lite con la madre a causa dell'insalata. Le anoressiche e le bulimiche sembrano essere migrate tutte verso questo genere di blog/siti. Forse si erano stufate di sentirsi attaccare un po' da tutte le parti, oppure avranno risolto che, se tanto il dca se lo dovevano tenere, far pena fa sempre più seguito e spacciarsi per sopravvissuti ad imprecisati olocausti interiori, attira lodi ed attenzioni molto più del sostenesi "anoressiche felici d'esserlo".
Le poche pro-ana (quelle vere), sono migrate sui siti internazionali, rebloggano qualcosa su Tumblr, ma fondamentalmente devono essersi stancate di ritrovarsi un giorno sì e l'altro pure con il sito segnalato e bloccato, le pagine invase da commetti di ciccione che si professavano pro-ana "come loro" e da lagnanze varie. Nello stesso periodo, le ciccione, tornavano a fare le ciccione sui forum di diete e il fenomeno pro-ana ha così conosciuto il declino. In tutto questo che fine hanno fatto le thinspo?
Le thispo non sono sparite, in rete si trovano ancora sia vecchie che nuove foto, peccato che siano mischiate ad immagini di donne più o meno magre, più o meno palestrate e più o meno affatto magrissime (per non parlare di tutti gli osceni "before and after" di culi flaccidi passati dai 90 kg ai 75 kg e tragici relitti panciuti post parto).
Siamo onesti, una thinspo in senso classico non è certo questo:
Questa è una donna normalissima e non certo grassa, bella quanto vuoi, sexy quanto ti pare, ma non è una thinspo!

Anche questo non ha nulla a che vedere con una thinspo:
Qui abbiamo una ragazza dal fisico scolpito, certamente magra, ma ovviamente non magrissima.

Eppure, scrivendo in rete la parola "thinspo", queste sono alcune delle foto che saltano fuori.

Una thinspo, per essere tale, deve avere un BMI (indice di massa corporea) non solo catalogabile nel sottopeso, ma inseribile sicuramente in un forte sottopeso. Il pesoforma proposto dai medici oscilla tra il normale e l'essere ben più che in carne! Vi porto un esempio: io sono alta 166 cm, peso 39 kg e possiedo un BMI pari a 14,15.  
In campo medico, per il peso ideale, è stato preso a riferimento un BMI di 22, che rappresenta il valore medio di un BMI nella norma, cioè compreso fra i valori di 18.5 e di 25. Questo significa che il mio "peso forma" dovrebbe oscillare tra i 51 e i 69 kg!!!
Ora... a 51 sarei oggettivamente ancora abbastanza magra, ma a 69 sarei una fottuta grassona! (Una balena terribile... mi ucciderei  ヾ(≧∇≦*)  )
Una thinspo alta come dovrebbe pesare al massimo 43 kg (poi dipende dall'ossatura e da altri fattori).

Visivamente parlando, queste sono thinspo:




Magrissime, se vogliamo il classico "pelle ed ossa", anche se non scheletri di 20 kg incompatibili con la vita (come le ragazze nelle foto che, di norma, arrivano in risposta alla frase "magro è bello").

Allora perché oggi vediamo "thinspo" perfettamente normopeso? A cos'è dovuto il cambiamento? Il cambiamento è sicuramente dovuto al nuovo utilizzo dei termini pro-ana e thinspo; queste parole vengono attualmente utilizzate a sproposito o per meglio dire, esse hanno cambiato il loro significato non tanto nella cultura della rete, quanto più all'atto pratico.
E le pro-ana? Che fine hanno fatto?
Alla parola pro-ana la gente grida ancora all'orrore ed allo scandalo, ma oggi le pro-ana sono donne e ragazze che sperano di raggiungere una forma fisica asciutta e tonica, ragazzine più o meno stupide che vorrebbero un disturbo alimentare che quasi certamente non avranno mai e gente più o meno in carne che preferisce perdere tempo su internet piuttosto che uscire a fare un po' di moto e smettere di ingozzarsi.
Questo è dunque il desolante panorama di quello che, in principio, prometteva d'essere un movimento che avrebbe fatto della magrezza estrema uno stile di vita.
Anche se potrebbe apparire allettante, per chi come me crede ancora che sia possibile vivere da magrissime senza essere malate (ricordiamo che l'anoressia è un disturbo della psiche e non una malattia fisica), riportare in auge i vecchi fasti del pro-ana... la verità è che, quasi sicuramente, un'impresa simile sarebbe impossibile.
Oggi, per chi si sente ancora d'appartenere al movimento pro-ana della vecchia guardia, non resta altro da fare che vivere senza un'etichetta, seguendo la propria strada.
Le etichette, checché se ne dica, hanno in realtà un loro valore sociale. Servono non solo ad essere identificati (cosa a volte fastidiosa), ma anche per potersi riconoscere. Anche per questo oggi le pro-ana non possono fare altro che vivere la loro scelta più o meno da sole. In tutto ciò è però riconoscibile almeno un lato sicuramente positivo, ovvero quello di potersi sganciare o comunque sensibilmente distaccare, dalla triste associazione con l'anoressia e la bulimia.



9 commenti:

  1. Ciao sono approdata qui tramite il tuo commento sul mio blog e ti volevo ringraziare del tempo usato per consigliarmi!

    Io non posso pronunciarmi molto sulla tematica del tuo post in quanto sono un ex grassona diventata normapeso e il mio obiettivo non è il sotto peso ma semplicemente il mio ideale, fissato nella mia capoccia! Cioè 50kg per 162cm!
    Ahaha mi sa che faccio parte del tuo "grassone in cerca di consigli"! Inizialmente era così!
    :p

    RispondiElimina
  2. Secondo me non importa cosa sei stata, ma dove sei arrivata e ovviamente dove arriverai. A volte nella vita capitano cose o prendiamo strade che ci portano dove non vorremmo mai essere. C'è chi si siede, si gratta, fa due lacrime e passa il resto della vita in quel punto commiserandosi. Mentre ci sono persone che si danno da fare per uscire dai problemi e per raggiungere i propri obiettivi. Io non sono mai stata sovrappeso, e da un certo punto di vista ho quindi avuto la vita assai più facile, per questo rispetto moltissimo chi era sovrappeso o grasso ed è riuscito a perdere peso in maniera significativa, perché onestamente non so dire come avrei potuto affrontare una situazione simile.
    A farmi rabbia sono tutte quelle persone oggettivamente grasse, che per metà della loro vita si piangono addosso dicendo che dimagrire è impossibile, che hanno questo o quel problema metabolico e per l'altra metà mangiano e cercano di far passare i 100 kg per l'esser donne formose (-_-)''
    Io sono dell'idea che, essendo la vita una sola, ogni persona dovrebbe fare il possibile per vivere nella maniera più conforme possibile a ciò che è e si sente. E' vero che la bellezza è transitoria e sono altre le cose che restano più a lungo, ma è anche vero che essere belli non esclude il resto e proprio perché tutto è transitorio, fino a quando è possibile godere di una cosa, dovremmo farlo pienamente. Quindi spero davvero che tu riesca a raggiungere il tuo obiettivo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te!
      Grazie! Lo spero anche io. Ancora 2kg ca e ci sono :p
      Auguri anche a te!

      Mi piace come scrivi e anche il blog così *-*
      Mi sa che ti romperò prossimamente con la mia presenza! Ma non sono un avvoltoio ahahah :pp

      Ciau ;)))

      Elimina
  3. Bazzicando dopo la doccia ho trovato il tuo blog e quel che hai scritto mi ha fatto e mi fa riflettere su ciò che sono e quello che voglio essere.
    Poche balle e tanta chiarezza, oggettivamente sono una "grassona in cerca di consigli" e me ne vergogno da morire, mi vergogno più che altro per non essermi resa conto di quello che stavo diventando. Di come nel tempo abbia assunto la forma di "balena spiaggiata" senza volermene rendere conto, perché la colpa è mia, il cibo non ti salta in bocca per che gli gira.
    Ho passato mesi a piangermi addosso guardando le thinspo, quelle vere, dicendomi che non ci sarei mai riuscita ma "If you nerver try you'll never know" quindi ho preso questa decisione, è ora di muovere questo culo flaccido, di stamparsi bene nella mente quelle immagini e di diventare così.
    Quindi grazie, grazie davvero per questo post che dandomi un'etichetta mi sta spronando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il mio post ti ha spronata nella tua decisione, allora è sicuramente valsa la pena scriverlo.
      Come ho già scritto, ci possono essere tantissime ragioni che portano una persona ad una certa condizione e spesso si stenta a riconoscere non solo dove si sta finendo, ma anche le proprie responsabilità e le proprie colpe.
      Penso che debba essere terribile ritrovarsi in un corpo che in fondo non è il nostro o, per meglio dire, che non corrisponde all'idea che abbiamo di noi stessi. L'unica cosa che posso dirti è che il peso non è una condizione immutabile e permanente. Se ti mancasse una gamba potresti imparare a camminare con una protesi, ma non avresti nessun potere di farti ricrescere l'arto mancante; tutt'altro discorso può essere fatto per il peso. Sicuramente reimpostare le proprie abitudini alimentari, andare incontro a rinunce e a modifiche su quantità e qualità del cibo, condiziona non poco l'esistenza di una persona... ma sono anche tutte cose che è in tuo potere gestire. Forse ci vorrà del tempo e sicuramente serve molta forza di volontà per modificare una situazione che si è protratta nel tempo, ma a mio parere ne vale assolutamente la pena. Riconoscersi, piacersi, sentirsi conformi a se stessi, godersi la propria bellezza e tutte le cose che essa comporta, sono tutte cose che non dovrebbero mancare nella vita di una persona.
      Ti auguro di cuore che tu riesca a raggiungere gli obiettivi che ti sei prefissata.

      Elimina
  4. Roba di Auschwitz.....
    Ma ti sbra normale essere cosi magre?
    Fa male alla salute...non dico di essere grasse ma essere magre nella norma (anche quelle in alto sono magrissime) se non volete il grasso fate palestra che fa bene! Ma non rovinatevi la vita

    RispondiElimina
  5. Quando ho iniziato a leggere ero un po' scettica, ma poi mi sono dovuta ricredere: hai ragione tu, anch'io penso si possa vivere magrissime ma senza essere malate, insomma.. Io ho perso 10kg, ora peso 43 per 163 kg , mangio poco e sano, e sinceramente non vedo perchè dovrei essere anoressica, perchè conduco uno stile di vita piú sano e so resistere alla fame? Perchè non mangio nutella e schifezze varie? Bah, anche se alcuni soti affermano il contrario io so di non essere malata,
    Primo perchè se un giorno dovessi andare a mangiare una pizza con gli amici ci andrei senza troppi complessi, e secondo perchè mi fanno ancora abbastanza schifo quelli che tu chiami i thinspo veri.. Insomma, sono scheletri, ossa e pelle floscia. Ew.
    Ps: l'ultima foto è stata scatta il 7/7, il giorno del mio compleanno, e il che ha qualcosa di inquietante. Aiuto.

    RispondiElimina
  6. fate schifo. avete dei problemi

    RispondiElimina

Per favore, siate educati ( ^‐^)_且~~